Oscar Garcia: “Dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo prima della sosta. Iniziare con una sconfitta dà fastidio” – RC Celta Vigo Italia

Oscar Garcia: “Dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo prima della sosta. Iniziare con una sconfitta dà fastidio”

Domani alle ore 19:30 il Celta Vigo sarà di scena al José Zorrilla per affrontare il Valladolid in quella che sarà la ventinovesima giornata di Liga. I celestes non hanno ripreso il campionato al meglio, perdendo 1-0 in casa contro il Villarreal e giocando una brutta partita, creando davvero pochissimi pericoli. Vincere contro il Valladolid, anche alla luce dei risultati che potrebbero verificarsi questa sera, sarà fondamentale anche per evitare di farsi inghiottire dalla zona pericolosa, con l’Espanyol ultimo in classifica ora a -3.

Il Celta deve immediatamente tornare ad essere la squadra che si era vista prima dello stop forzato se vuole salvarsi ed altre prestazioni come quella offerta sabato non saranno tollerate. Di questo avviso è anche Oscar Garcia che oggi ha presentato la partita di domani, affermando come è normale che possano esserci cambi, visto che si giocherà molto da qui fino a fine stagione. Di seguito le sue dichiarazioni più importanti ed il video completo della conferenza stampa direttamente dal canale ufficiale del Celta Vigo:

Sulla sconfitta di sabato: “Dobbiamo tornare ad essere la squadra che eravamo prima della sosta, su questo non c’è dubbio. Credo che è stata la peggior partita da quando sono qui, anche se in circostanze differenti. Il Villarreal è una squadra a cui piace tenere palla, ce l’ha lasciata molto poco. Arrivavamo tardi in pressione e dopo il tempo che siamo rimasti fermi… dà fastidio iniziare in questo modo”.

Sul Valladolid: “E’ una squadra che ha vinto l’ultima giornata fuori casa e sono stati tre punti molto importanti per loro, è una squadra sempre molto unita, con linee molto strette. Sa difendere bene e poi parte in contropiede, Sergio è un allenatore che rende le squadre ben definite a livello di gioco che piace a lui e lo sta facendo bene”.

Sul turnover: “In tutte le partite che faremo ci saranno dei cambi, perché ci sono molte partite ravvicinate, ci sono giocatori con problemi fisici. Ci sono altri che è complicato possano giocare tre partite di fila. Sarà un mix di tutto, dipendente dalle circostanze. E’ chiaro che una squadra non potrà ripetere lo stesso undici tutte le giornate”.

Su cambi per domani: “C’è ancora un po’ di tempo per la partita, bisogna vedere come stanno i giocatori, quelli che hanno giocato più minuti e poi in funzione di questo prenderemo delle decisioni”.

Su Sisto: “A me non deve essere grato. Come tutti, cerco di far uscire fuori la parte migliore dei giocatori. Sa dove vuole che giochi dove può essere più pericoloso, che è più in avanti rispetto a quanto accaduto nell’ultima partita. Pione sa che ci sono situazioni dove non si deve rischiare più di troppo quando mancano pochi minuti, ma a me non piace parlare del singolo o dire che abbiamo perso per questo, né che abbiamo vinto contro il Siviglia grazie a Pione. Né abbiamo perso per colpa di Pione, né abbiamo vinto grazie a Pione, vinciamo e perdiamo tutti. Succedono tante cose in una situazione del genere, dopo non abbiamo saputo fermare il contropiede e sono successe un paio di cose che non dovrebbero accadere”.

VIDEO CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*