Verso la Liga: cosa aspettarsi dal nuovo Celta Vigo targato Fran Escribà – RC Celta Vigo Italia

Verso la Liga: cosa aspettarsi dal nuovo Celta Vigo targato Fran Escribà

Finalmente si riparte! Sabato alle ore 17:00 inizierà la Liga 2019/2020 del Celta Vigo che affronterà una delle candidate al titolo ovvero il Real Madrid e Balaidos sarà ovviamente pieno per accogliere alla grande la squadra per spronarla a regalarsi un inizio di campionato col botto. Cosa dobbiamo aspettarci da questa nuova stagione?

UN PRECAMPIONATO DI ALTI E BASSI

Il precampionato del Celta Vigo è stato un precampionato dai due volti, dal sapore agrodolce, che ha lasciato sensazioni positive nella prima parte e negative nella seconda. La stagione è iniziata in modo positivo con un bel 3-0 sul Lugo (autogol di Pita e reti di Santi Mina e Iago Aspas), in una partita dove il Celta ha sofferto relativamente poco in difesa, concedendo pochissime occasioni agli avversari. Sette giorni dopo (27 luglio), all’Estadio A Lomba, i celestes hanno affrontato i vice-campioni di Francia del Lille ed hanno vinto 1-0 grazie al gol di Pione Sisto, ma stavolta qualcosa è stato concesso, più per errori in fase di possesso che per meriti del Lille.

Risultati immagini per Celta 1-0 Lille

Dopodiché il Celta Vigo è partito per la Germania dove ha affrontato due volte l’Union Berlino, ma la prima amichevole a porte chiuse è stata sospesa sull’1-1 a causa della pioggia. Nella seconda amichevole, stavolta aperta al pubblico, disputatasi il giorno dopo (3 agosto) i galiziani hanno vinto 3-0 con gol di Brais Mendez, Santi Mina e Jorge Saenz, ma è stato un risultato molto bugiardo, con i tedeschi vicini al gol in parecchie occasioni e solo Ruben Blanco ha impedito il peggio. Il 6 agosto, invece, è arrivata la prima sconfitta per 1-0 contro il Tenerife (rete di Malbasic) e qui il Celta ha mostrato molte carenze in fase offensiva, creando davvero pochissimo. Dai due volti, invece, il Memorial Quinocho perso 2-1 contro la Lazio dove per 25′ il Celta Vigo è rimasto in balia dell’avversario, facendosi segnare due volte da Immobile, per poi trasformarsi e creare pericoli, trovando il 2-1 con Fran Beltran.

Risultati immagini per celta vigo 1-2 Lazio

Anche contro la Lazio non sono mancati sbandamenti pericolosi in difesa che contro il Real Madrid possono costare davvero caro e la speranza è che Fran Escriba abbia lavorato in queste ultime due settimane su questo, visto che il tallone d’Achille del Celta è sempre stato il reparto difensivo negli ultimi anni. Nelle ultime due partite di precampionato il Celta ha mostrato ancora una volta il poco equilibrio che la scorsa stagione stava per costargli la retrocessione ed a Vigo nessuno si augura di vivere un’altra stagione agonica, dove non è detto ti andrà com’è andata lo scorso anno.

LA ROSA

Se lo scorso anno al Celta Vigo mancavano degli uomini importanti in rosa, quest’anno Fran Escribà ha un parco giocatori davvero niente male, con la società che si è impegnata per formare un gruppo capace di lottare per l’Europa e non per la retrocessione. L’acquisto più importante è stato sicuramente quello di Denis Suarez dal Barcellona per circa 13 milioni, con il giocatore che ha fatto ritorno a casa sua dopo 8 anni, quando lasciò il Celta per trasferirsi nel settore giovanile del Manchester City. Colpaccio anche in attacco dov’è arrivato Santi Mina dal Valencia, mentre ai Taronges è andato Maxi Gomez, con Jorge Saenz entrato in questa maxi-operazione tra i due club. Da non sottovalutare l’arrivo dal Penarol di Gabriel Fernandez, il nuovo toro celeste, e del potente Joseph Aidoo in difesa.

Immagine correlata

Nella giornata di ieri, il Celta Vigo ha annunciato anche il ritorno di Pape Cheikh dal Lione, portando a quota 11 il numero dei canterani presenti in squadra, formando una squadra fatta in casa, mentre sta ancora lavorando per riportare a Balaidos anche Nolito, autore di un gran precampionato con il Siviglia, ma fuori dal progetto andaluso. Al Celta, però, manca ancora un centrocampista difensivo e vedremo se ci saranno altre sorprese in questa fase di mercato, soprattutto in caso di cessioni con Sisto, Jozabed, Ivan Villar e Beauvue in lista per lasciare la Galizia.

 L’ OBIETTIVO STAGIONALE SI CHIAMA EUROPA!

Inutile girarci intorno, avendo speso così tanto sul mercato l’obiettivo del Celta Vigo è quello di tornare in Europa e di tornare a giocare a calcio in modo gagliardo come fatto nel triennio di Berizzo. Fran Escribà ha una rosa molto più forte di quella messa a disposizione di Unzué e Mohamed e dovrà ripagare con il risultati gli investimenti fatti dal presidente Mouriño e da Miñambres che sta ancora lavorando per rendere più forte la squadra. Gli occhi di tutti, comunque, saranno puntati ancora una volta su Iago Aspas, miglior marcatore spagnolo per due anni consecutivi ed eroe della salvezza dello scorso anno, ma servirà l’impegno di tutti per raggiungere un traguardo non semplice, visto che anche le altre squadre si sono rafforzate.

Per quanto riguarda la formazione tipo che dovrebbe utilizzare Fran Escriba in questo campionato, il tecnico potrebbe puntare di più sul 4-4-2 rispetto al 4-2-3-1 che resta comunque una possibilità, soprattutto nel caso in cui anche Nolito dovesse unirsi alla causa. Contro il Real Madrid non sarà una formazione completa visto che saranno assenti giocatori come Santi Mina e Hugo Mallo, ma proviamo a tracciare a livello tattico il nuovo Celta Vigo di Fran Escriba per questo campionato utilizzando sia il 4-4-2 che il 4-2-3-1.

(4-4-2): Ruben Blanco; Hugo Mallo, Araujo, Aidoo, Olaza; Brais Mendez, Lobotka/Fran Beltran, Okay Yokuslu, Denis Suarez; Santi Mina/Gabriel Fernandez, Iago Aspas. All. Fran Escriba

(4-2-3-1): Ruben Blanco; Hugo Mallo, Araujo, Aidoo, Olaza; Lobotka, Okay; Brais Mendez, Iago Aspas, Denis Suarez; Santi Mina/Gabriel Fernandez. All. Fran Escriba

Queste sono due possibili formazioni per il campionato quando tutti gli infortunati saranno rientrati, mentre contro il Real Madrid ci potrebbe essere qualche mossa a sorpresa considerate l’assenza di gente come Hugo Mallo. Non ci resta che confidare in Fran Escriba e sperare che possa andargli meglio rispetto ai suoi predecessori. Mancano solamente poche ore al fischio d’inizio, non solo della partita, ma anche dei nostri sogni e delle nostre speranze per questa stagione e non vediamo l’ora di tornare a gridare e gioire tutti insieme… HALA CELTA! 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*