Fran Escriba: “Vincendo domani vedremmo il futuro in una prospettiva diversa. Huesca squadra che lotta, sarà dura” – RC Celta Vigo Italia

Fran Escriba: “Vincendo domani vedremmo il futuro in una prospettiva diversa. Huesca squadra che lotta, sarà dura”

Dopo la bellissima serata del Balaidos, culminata in una grandissima rimonta che ha riaperto le porte della salvezza, il Celta Vigo è pronto nuovamente a scendere in campo domani contro l’Huesca in un’altra partita di fuoco, essendo gli aragonesi ultimi in classifica ed in cerca di riscatto dopo la sconfitta del Bernabeu.

Questa mattina, Fran Escribá ha presentato la sfida dell’Alcoraz, affermando come la squadra abbia goduto solo sabato della bella cornice di pubblico e della girandola di emozioni. Dal giorno successivo, si è pensato esclusivamente all’Huesca, un avversario di certo non semplice come vorrebbe dire la classifica. Contro il Real Madrid, gli aragonesi si sono comportati alla grande, sfiorando un clamoroso 2-2 e mettendo in grossa difficoltà una delle difese più forti d’Europa. Domani, inoltre, l’Huesca avrà i tifosi dalla sua parte e si preannuncia un ambiente tanto caldo quanto quello visto sabato a Balaidos. Escribá è conscio delle difficoltà della partita di domani, ma sa anche che vincere darebbe una spinta ulteriore al morale della squadra: “L’Huesca è una squadra che lotta bene, capace di creare occasioni nella metà campo avversaria giocando in modo diretto, sarà una partita dura, ne sono sicurissimo. Dissi che vedevo tutte le partite molto equilibrate e domani sarà come la partita dello scorso sabato. Una partita dove conterà ogni piccolo dettaglio, di sofferenza e dove sappiamo che fino al 90′ può accadere qualsiasi cosa. Loro sono capaci sia di fare un gioco basato sulla profondità, sia sulla velocità come hanno dimostrato al Bernabeu, hanno due giocatori rapidi sugli esterni come Avila e Cucho, dimostrando anche di sapere giocare in contropiede. Hanno una buona squadra, ma sono stati condizionati dal pessimo inizio, sono solo più nel bisogno rispetto ad altre squadre. Vincere sarebbe importante perché conseguiremmo due vittorie di fila. Se saremo capaci di fare due vittorie di fila, o addirittura tre, vedremmo il futuro in una prospettiva diversa”.

Come a Balaidos, anche l’Alcoraz sarà ribollente di tifo, con i supporters degli aragonesi pronti a spingere la squadra alla vittoria, ma Escribá si è detto contento di ciò, affermando che i suoi giocatori non saranno condizionati da quanto accadrà sugli spalti. Dopo la bella doppietta contro il Villarreal, tutto si chiedono se Iago Aspas sarà della partita essendo appena rientrato da un infortunio ed il tecnico valenciano ha fatto intuire che molto probabilmente partirà ancora dall’inizio: “Iago ha corso tanto, ma ha corso come tutti. La sua intelligenza gli permette di dosare al meglio i suoi sforzi e di assorbirli bene. É in perfetto condizioni come tutti gli altri. Olaza era stanco a fine partita? Si, come lo era Kevin al Bernabeu, si tratta di giocatori non ancora abituati ai novanta minuti. Nonostante ciò, è arrivato all’ottantesimo in buone condizioni, gli ultimi minuti sono stati un po’ duri”.

Il Celta sarà impegnato in trasferta, ma a Balaidos i tifosi si preparano per rendere lo stadio una bolgia nel match di domenica contro la Real Sociedad. Già da oggi c’erano file lunghissime al Balaidos di gente pronta a prenotare il proprio posto e ad incitare la squadra. Escribà ha affermato di essere contento di ciò: “Mi sembra una cosa fantastica. La gente aveva già capito che il Celta si giocava molto. I tifosi, così come noi, vuole che la squadra esca fuori da questa situazione. Sono convinto che ciò non sarà solo contro la Real Sociedad. Torneremo ad avere lo stadio quasi pieno, per le prossime partite in casa la gente ci starà vicino, per noi è bello. Se lo staff ed i giocatori possono fare qualcosa per migliorare l’ambiente, saremo ben lieti di aiutare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*