Cardoso: “Per vincere col Getafe dovremo esser bravi a non soffrire. Sala? Emiliano era un ragazzo speciale” – RC Celta Vigo Italia

Cardoso: “Per vincere col Getafe dovremo esser bravi a non soffrire. Sala? Emiliano era un ragazzo speciale”

Giornata di vigilia in casa Celta Vigo che domani, rinvigorito dalla vittoria di cuore ottenuta contro un grande avversario come il Siviglia, andrà al Coliseum per battere il Getafe e dare continuità al successo della scorsa settimana. Questa mattina, Miguel Cardoso si è presentato in sala stampa ad A Madroa per parlare del match che attende i suoi ragazzi.

Il tecnico portoghese, tuttavia, ha prima espresso il suo cordoglio per la scomparsa di Emiliano Sala, il cui corpo è stato riconosciuto nella serata di ieri dalla polizia inglese dopo che era sparito lo scorso 21 gennaio. Dopo tante ricerche, in fondo al mare è stato rinvenuto un corpo vicino al relitto dell’elicottero ed identificato come quello del calciatore italo-argentino, allenato da Cardoso al Nantes: “Ho evitato di parlare di questa situazione il più possibile perché, come tutti, avevo la speranza che potesse arrivare un miracolo. Ho lasciato la mia solidarietà via social, i giocatori del Nantes hanno avuto l’opportunità di vivere con una persona speciale. Ci ho parlato molte volte con lui, aveva voglia di cambiare un poco la sua vita. Dal giorno in cui sono arrivato abbiamo parlato del passo che voleva fare per cambiare la sua vita. I tifosi provavano per lui un amore molto speciale, era un giocatore che combatteva, che dava la vita in ogni momento che aveva, era un ragazzo particolare. Sono stato a casa sua a Nantes, un giorno lo chiamai di notte e gli chiesi se potevo andare a casa sua per parlarci, mi ricevette il suo cane che era una femmina nera, molto bella, molto simpatica. Questa settimana, quando ho visto la foto, ho provato un dolore incredibile. È la vita… una parola di conforto per la sua famiglia. Quelli che sono genitori capiscono come dev’essere quel dolore. Come ho scritto ieri, non dobbiamo pensare che Sala se n’è andato, ma che è con noi nel nostro cuore ed ha un impatto molto molto forte come quando l’ho conosciuto” ha chiosato il tecnico, profondamente toccato per la scomparsa del suo giocatore.

Per la partita contro il Getafe è tornato finalmente tra i convocati Iago Aspas e Cardoso ha affermato come il giocatore non sia solo pronto per rientrare, ma anche per giocare la partita dall’inizio. El Diez sarebbe dovuto tornare contro il Valladolid, ma un riacutizzarsi del dolore gli ha impedito di prendere parte alla spedizione in casa del Pucela e al match casalingo contro il Siviglia. Ma ora, Iago è tornato ed è pronto a far sentire la sua presenza alla squadra: “Iago c’è, è convocato, sta bene e si è allenato con gli altri. È pronto a tutto, è un’opzione in più che ci permette di escogitare piani differenti per la partita e ci può dare tanto con le sue abilità“.

Per quanto riguarda il poco impiego di alcuni giocatori, come Jensen, Cardoso ha affermato come non ci sia alcun tipo di problema che non sia numerico. Il tecnico portoghese ha aggiunto che in campo può schierare solo undici giocatori ed avere una rosa di 24 giocatori, tutti quasi dello stesso livello, comporta l’esclusione dalla gara di un giocatore o dell’altro che si chiami Jensen o Lobotka o Jozabed: “Questo purtroppo è il contro di giocare solo una competizione. A centrocampo c’è molta concorrenza ed abbiamo giocatori di qualità, è una lotta durissima a centrocampo. Jensen è in lista e si sta allenando molto bene, ma anche gli altri stanno mantenendo una regolarità incredibile. La concorrenza fa bene”.

Sul Getafe, invece, Cardoso sa che si dovrà sbagliare il meno possibile per uscire coi tre punti da uno stadio che storicamente è molto difficile per il Celta. Il tecnico ha anche rimarcato cosa non va fatto nel modo più assoluto nel match di domani: “Contro il Getafe dobbiamo evitare di far restare in area i loro attaccanti. Hanno un’idea di gioco ben definita e la applicano molto bene, anche noi abbiamo la nostra e dobbiamo applicarla al massimo. Per vincere contro il Getafe dovremo cercare di soffrire il meno possibile e di sicuro avremo le nostre opportunità“.

Tra i convocati c’è per la prima volta Lucas Olaza, mentre stavolta è Ryad Boudebouz a restar fuori, cosa che era accaduta all’inverso contro il Siviglia. Cardoso ha fatto sapere come non ci siano motivi particolari sull’esclusione dell’algerino: “Bisogna fare una lista dei convocati e bisogna fare delle scelte, non c’è nessun motivo in particolare. Olaza si era allenato poco ed ha fatto una settimana di lavoro positiva con noi. Abbiamo svolto un gran lavoro su di lui, quasi lo stesso che abbiamo effettuato con Jensen dopo il suo rientro dall’infortunio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*